L'Evento

Fotogallery2011

Hanno detto di noi

Guida MiJapan for Japan

Programma

Mostre MiJapan for Japan
Sanrio for Smiles Exhibition
(Arte)


Il Filo Rosso
(Design)


Il Gesto Creativo
(Fotografia)



Gara Cosplay

T-shirt by TOKIDOKI

Espositori

Planimetria

Comunicato Stampa

Info

Contact

Sakura Momiji

MiJapan 2010

Home
 
 

"Mi Japan for Japan"
Il Giappone a Milano 2°edizione
- Obiettivo raccolta fondi

Milano 20-21-22 maggio 2011
dalle ore 10.00 alle ore 23.00


Nell’anno che ha visto il Giappone colpito da una grande tragedia su più fronti, tsunami, terremoto e gravissimo pericolo nucleare, il Mi Japan Festival si ridisegna, grazie alla collaborazione di molti partner che hanno aderito a questo progetto, diventando Mi Japan for Japan.

Comunicare la grande cultura di una nazione nei suoi aspetti tradizionali e contemporanei vuol essere, per questa iniziativa, veicolo privilegiato di sostegno e solidarietà per le popolazioni colpite.

Nella tre giorni che si svolgerà dal 20 al 22 maggio 2011, presso i suggestivi chiostri del ‘400 dell’Umanitaria di Milano in via San Barnaba 38, si alterneranno dimostrazioni, esposizioni, mostre, performance e spettacoli di qualità organizzati da artisti, designer, associazioni, aziende, piccole e grandi realtà produttive e culturali, che hanno condiviso l’obiettivo principale di questa edizione: la raccolta fondi per le popolazioni colpite del Sol levante.

Per ogni ingresso (8 euro un giorno, 10 euro per tre giorni) l’Associazione EuJapan, organizzatrice dell’evento, donerà 2 euro in beneficenza. A fronte del biglietto acquistato verrà regalato un simpatico gadget offerto da Camomilla Milano.

Sono previste altre iniziative di charity, come ad esempio la t-shirt “limited edition” con un soggetto appositamente creato dall’artista e designer Simone Legno aka Tokidoki e prodotta da Mi Japan for Japan, il cui ricavato della vendita (20 euro) andrà per metà devoluto alla Croce Rossa.

Da ricordare che, nella passata edizione del Mi Japan Festival, parte del ricavato è stata devoluta al progetto “Sakura Momiji” che prevedeva la piantumazione di alcune piante di ciliegio a Milano e che ora, in piena fioritura, svettano in un primo lotto lungo il Naviglio (grazie alla collaborazione con l’Associazione Amici dei Navigli) e all’ingresso del Giardino dei ciliegi dell’ Umanitaria.

Tra le più importanti iniziative “solidali”, all’interno di Mi Japan for Japan, il progetto “Sanrio for Smiles Exhibition”, curato da Christian Gancitano. Più di venti artisti internazionali, appartenenti a diverse correnti e linguaggi New Pop e Pop surrealisti (tra le quali il Micropop giapponese) reinterpretano i personaggi di Sanrio inserendoli come soggetto della propria opera. Il ricavato, dalla vendita delle opere, andrà interamente devoluto da Sanrio Foundation alla Croce Rossa giapponese.

Ricordiamo anche che la ben nota Hello Kitty, “fiore all’occhiello” di Sanrio, sarà presente per incontrare tutti i suoi fan, venerdì 20 alle ore 18 durante l’incontro che ci sarà con alcuni artisti e il curatore della mostra presso il Chiostro della memoria, ma anche per tutta la durata del festival.

I designer Tadao Amano, Naomi Arao, Setsu&Shinobu Ito, Kazuyo Komoda, Tomoko Mizu, Hikaru Mori, Shuhei Senda e Masato Yamamoto sostengono il loro Paese d'origine con il progetto “Il Filo rosso” proponendo un' installazione di prodotti di design.

Altra mostra degna di nota è “Il gesto creativo” di Flavio Gallozzi che, attraverso l’obiettivo attento e sensibile della sua macchina fotografica, ci ammalia con lo spaccato di un Giappone fatto di rituali e tradizione.

Di grande attualità, in merito al “pericolo nucleare”, è la performance di teatro danza “butoh” eseguita da Marcella Fanzaga. Fondato da Kazuo Ohno e Tatsumi Hijikata, letteralmente “butoh “ significa danza camminata (da bu/danza, toh/piedi). Nato alla fine del conflitto mondiale dall'orrore e dal dolore scaturiti dal disastro atomico, il butoh è una danza lacerante, sempre straziante e intrisa di dolore. La tragedia c’è stata. La paura, lo sgomento, la rabbia dell'impotenza, questo è quello che vogliono comunicare i ballerini butoh.

Mi Japan for Japan, ogni giorno propone un nutrito programma con dimostrazioni, corsi e spettacoli rappresentativi della cultura contemporanea e tradizionale nipponica.

Di grande rilievo la presenza del Maestro Nakajima Hiroyuki. Le sue opere/performance si basano sulla pratica della calligrafia giapponese (shodo), ma scavalcano i confini della calligrafia contemporanea collocandosi nel più generale ambito artistico dell'espressionismo astratto.

Da non perdere le tradizionali cerimonie del tè, dell’acconciatura giapponese e della vestizione del kimono, i corsi di origami (l’arte di piegare la carta), di furoshiki (l’arte di utilizzare un quadrato di stoffa annodato in diversi punti per avvolgere regali, vasi, ecc.), di lingua giapponese, di maki, le dimostrazioni di shiatsu, di arti marziali, di zen yoga e lo spettacolo di “Taiko”, tamburo giapponese che anticamente era considerato la dimora degli spiriti e utilizzato nei rituali religiosi.

E ancora manga, gioco go e “kamishibai” itinerante che è una forma di teatro tradizionale giapponese molto diffusa nel secolo scorso. I narratori di “kamishibai” si spostavano a bordo delle loro biciclette sulle quali era montato il “butai”, il teatrino di legno all’interno del quale, durante la narrazione, facevano scorrere immagini disegnate.

E per finire non poteva mancare il Cosplay Contest, una vera e propria gara di costumi tratti da fumetti e cartoni animati realizzati interamente dai partecipanti che, seguendo questo fenomeno nato in Giappone nei primi anni '90, interpreteranno i personaggi scelti mettendo in scena un vero e proprio spettacolo.


*Ufficio Stampa*

Giosanna Terrana
Via Giannone,9 - 20154 Milano
tel +39 02 3492390
cell +39 339 6715005
giosanna.terrana@alice.it


*Associazione EuJapan*

Via Montecuccoli,9 - 20147 Milano
tel +39 02 48370408
cell +39 02 41291952
www.mijapan.net


 
 
 
  imm_partner.gif